III ventricolo-cisterno stomia in idrocefalo - CeTIN (Centro per il Trattamento dell'Idrocefalo Normoteso)

Centro per il Trattamento
dell'Idrocefalo Normoteso
Vai ai contenuti

Menu principale:

III ventricolo-cisterno stomia in idrocefalo

Idrocefalo Normoteso > Il Trattamento
Idrocefalo Normoteso, la III ventricolo-cisterno stomia (IIIVCS)
L'intervento chirurgico di III ventricolo-cisterno stomia è un intervento che mira a mettere in comunicazione il III ventricolo cerebrale con la cisterna interpeduncolare by-passando l'acquedotto di Silvio quando stenotico. L'intervento è indicato nelle forme di idrocefalo cronico in cui si rileva una stenosi funzionale dell'acquedotto oppure in pazienti con dilatazione tetraventricolare e flusso turbolento nel IV ventricolo per alterata dinamica liquorale attraverso i forami di LuschKa o Magendie. In passato è stato proposto anche per le forme di idrocefalo comunicante ma di fatto nel tempo tale procedura si è dimostrata poco efficace rispetto alla derivazione ventricolo-peritoneale. Tale intervento viene inoltre proposto per la sua minore invasività non considerando però il maggior tempo di esposizione del parenchima cerebrale durante l'intervento e il il danno maggiore sul parenchima cerebrale fatto dall'endoscopio e il suo canale di lavoro che certamente sono molto più larghi del catetere ventricolare. Il rischio di sanguinamento lungo il tramite e di fistola liquorale secondo la nostra esperienza sono maggiori rispetto alla DVP.
Per informazioni o appuntamenti compila il modulo
Portale di Divulgazione Scientifica a cura del dott. Antonio Scollato, Specialista in Neurochirurgia, Dottore in Ricerca,  mail:a.scollato@cetin.it   cell. 347 5451048
Cerca un Centro
Scarica la app


Torna ai contenuti | Torna al menu